Primo articolo del blog

Questo è il tuo primo articolo. Fai clic sul link Modifica per modificarlo o eliminarlo oppure inizia un nuovo articolo. Se desideri, usa questo articolo per dire ai lettori perché hai iniziato questo blog e cosa intendi farne.

articolo

Annunci

Sulla spiaggia vediamo solo le onde, mai l’oceano; in realtà esiste solo l’oceano, le onde sono superficiali …

Osho,

Al di Là della Paura,

Oltre il Rancore

Ci sei stato, nel giorno e nel silenzio. Ci sarai, nella notte e nel risveglio. Il tempo si veste di assenze e mentre lo distraggo con un sorriso e il mio canto, lui passa senza rispetto, ma ha il tuo nome ed io lo perdono!!!

Tonia D’angelo

Mi guardavo intorno e pensavo ostinatamente: nel mondo manca qualcosa. Non sapevo dirmi cosa, perché tutto quel che di nuovo poteva essere pensato e immaginato altro non era che una combinazione di elementi già esistenti nel mondo. Mancava qualcosa che fosse essenza, sostanza pura, non già combinazione. La fantasia umana non è affatto illimitata. Se lo fosse, io potrei pensare un colore inesistente nello spettro cromatico o una lettera dell’alfabeto che le mie corde vocali non possono emettere. Ma il solo avvertire la mancanza di un colore che non ebbi mai visto e di una lettera che non ebbi mai udito mi fece intendere che, da qualche altra parte, in qualche altro posto, io li avrei ritrovati. L’unica illimitatezza umana appartiene all’incapacità di accettare gli umani limiti.

Cassandrablogger

“ IL SERPENTE E LA LUCCIOLA ”

Racconta la leggenda, che un serpente inseguiva una lucciola per divorarla.

Il piccolo insetto faceva l’impossibile per fuggire dal serpente. Per giorni fu una persecuzione intensa.

Dopo un po’ di tempo, la lucciola stanca ed esausta si fermò e disse al serpente: Posso farti tre domande? Il serpente le rispose: – “Non sono abituato a rispondere a nessuno però siccome ti devo mangiare, puoi chiedere!” – “Domanda numero 1: appartengo alla tua catena alimentare?” – chiese la lucciola. “- No!” – rispose il serpente. – “Domanda numero 2: Ti ho fatto qualcosa di male?” – disse la lucciola – “No, assolutamente!” – Tornò a rispondere il serpente. – “Domanda numero 3: E allora…. perché vuoi mangiarmi?” – “Perché non sopporto vederti brillare!” Morale: In varie occasioni può capitare di incontrare persone che ti criticano, condannano, etichettano, sebbene tu non abbia mai fatto loro qualcosa di male, e malgrado tu ti sia dimostrato gentile con loro. E tutto ciò avviene perché, così come la lucciola, possiedi la tua luce interiore, illumini il tuo cammino e il cammino di molti che camminano nell’oscurità. Brilli più degli altri, come fa la lucciola di notte e questo è difficile da sopportare per alcune persone, perché non hanno quella luce interiore, quel brillio proprio e soffrono vedendoti brillare. Sono persone che vivono nell’infelicità. Tu non smettere mai di essere te stesso, di illuminare con quella tua luce, anche se questo dà fastidio a coloro che vivono nella totale penombra. “I serpenti che mangiano le lucciole non capiscono che rimarranno al buio per sempre.”. Cit. Web

Sappiate chiudere le storie.

Le porticine leggermente aperte sul passato, creano ambiguità che difficilmente possono essere comprese.

State nel presente.

Smettetela di pensare che sia sempre migliore ciò che non è stato vissuto del tutto o che sia da preservare ad ogni costo.

È il presente che va protetto.

È nel presente che potete esistere.

È lì che potete vivere.

E finché permetterete al passato di creare interferenze, avrete come un polmone che cerca ossigeno scavando nel niente.

Vi mancherà l’aria e sarà perché avrete respirato nel tempo sbagliato.

Serena Santorelli

Ph Anina Bird

Sono quel tipo di persona che non è nata con un dono, che non canta o balla bene, che non è brava a scrivere poesie o a risolvere esercizi matematici. Sono quel tipo di persona che tenta di scoprire cosa ha di buono. Sono una persona che ascolta e non giudica, che sogna senza dormire. L’unica certezza che ho è che sono l’autore di un libro, quello della mia vita.

#AlessandroAmmendola

Photo Luiz Claudio

AMICIZIA: AMORE DA CONDIVIDERE

Amicizia è avere rispetto dei silenzi dell’altro e trovare parole che accarezzino l’anima nei momenti difficili, è restarsi accanto quando tutto muore e gioire quando il frutto acerbo del male viene offuscato dal germoglio in fiore. È saper cogliere il dolore dietro la rabbia. È non dare giudizi affrettati, è comprensione. È fare di un sentimento un dono prezioso, intimo e non necessariamente urlato al mondo intero. È dirsi “ti voglio bene”, che vale molto di più di “tvb” tra le righe. È intravedere il “per sempre” aldilà dell’orizzonte. È trovarsi distanti, ma sempre vicini. È chiarire le incompresioni. È sentire le emozioni dell’altro e viverle di riflesso. È dolore reso più leggero dalla presenza. È silenzio che parla con gli occhi. È felicità che si rinnova di fronte alla felicità dell’altro. Amicizia, è amore da condividere.

Carmen Roberta Calabrò

Dedicata agli amori (in)finiti.

Bisogna farsi forza.

Tanta.

Quando piovono solo rancori.

Quando ogni parola diventa un boomerang

non appena lanciata nello spazio di un passo.

Quando è inaccettabile la continua mortificazione del nulla,

forse solo del fatto di esistere.

Ognuno ha le proprie ragioni,

che poi non sono ragioni.

Sono sentimenti, che,

evidentemente, non ci sono più.

O meglio, sono diventati sentimenti non buoni, consumati dall’ usura e dai continui giudizi, dall’ isolamento, dalla solitudine.

Allora io credo che basti.

Che vada bene così.

Che arrivi il momento in cui si deve smettere di fare male, di farsi male,

di lasciare che ci facciano male.

Prendiamo il rancore e buttiamolo via. Accettiamo che i sentimenti non sono merce e non possono essere la ragione per colpire chi ci sta accanto.

Colpa mia? Colpa tua?

Ma quale “colpa”!

Siamo anime.

Fragili.

Abbiamo solo bisogno di un pò di affetto,

quattro carezze in testa, come un gatto;

abbiamo diritto, se non alla felicità,

a qualche momento di quiete.

Non facciamoci male,

lasciamoci andare.

Con quel poco di tenerezza che resta,

con qualche lontano ricordo di felicità

in fondo ad un bicchiere vuoto.

Carla Casolari

Ph. Malgorzata Sajur

Vive di pancia

“Gli africani selvaggi adorano il serpente perché l’intero suo corpo tocca la terra, e così ne conosce tutti i segreti. Li conosce con il ventre, la coda, i genitali, la testa. È in contatto con la Madre, si mescola con essa.”

Nikos Kazantzakis

“L’hai amata, vero?”

Lui sospiro

“Come posso risponderti ?

Lei era Matta ..”

Sì passò la mano tra i capelli: “Dio se era tutta matta..ogni giorno era una donna diversa. Una volta intraprendente, l’altra impacciata.Una volta esuberante, l’altra timida. Insicura e decisa. Dolce e arrogante. Era mille donne lei, ma il profumo era sempre lo stesso.. Inconfondible. Era quella la mia unica certezza. Mi sorrideva ,sapeva di fregarmi con quel sorriso. Quando sorrideva io non capivo più nulla. Non sapevo più parlare ne pensare. Niente, zero. C’era all’improvviso solo lei. Era matta, tutta matta. A volte piangeva .Dicono che in quel caso le donne vogliono solo un abbraccio. Lei no .. Lei si innervosiva. Non so dove si trova adesso ma scommetto che è ancora alla ricerca di sogni. Era matta, tutta matta Ma l’ ho amata da impazzire..

C. Bukowski

Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell’apparenza, del sentimento e della volontà. Non si può rifiutare la forza di persuasione del profumo, essa penetra in noi come l’aria che respiriamo penetra nei nostri polmoni, ci riempie, ci domina totalmente non c’è modo di opporvisi.”

Web

Donare significa per definizione consegnare un bene nelle mani di un altro senza ricevere in cambio alcunché. Bastano queste poche parole per distinguere il «donare» dal «dare», perché nel dare c’è la vendita, lo scambio, il prestito. Nel donare c’è un soggetto, il donatore, che nella libertà, non costretto, e per generosità, per amore, fa un dono all’altro, indipendentemente dalla risposta di questo. Potrà darsi che il destinatario risponda al donatore e si inneschi un rapporto reciproco, ma può anche darsi che il dono non sia accolto o non susciti alcuna reazione di gratitudine.

Notte🌙

Buonanotte a chi, stasera più che mai, avrebbe bisogno di conferme. Di sentirci dire che siamo stati importanti. Che incontrarci è stato bello. Che abbiamo dato tanto senza pretendere. Che siamo stati un dono inaspettato. Che c’è la voglia, ancora, di noi. Buonanotte a chi non riesce a rassegnarsi al fatto di essere stato solo un flash. Di essere stati solo un bel momento, finito nell’istante dell’addio. Buonanotte a chi attende sempre uno sguardo in più. Quello che ci dirà “sei tu, e non ti lascerò più andare via.

Ho riscoperto fragilità e paure nelle…quali mi riconosco…li chiamo sentimenti… Non è che le cose più belle siano forti e dominanti….. ce ne sono di bellissime …fragili ed eteree…..

..spesso il piacere…è un dolore straordinariamente dolce …non sono triste….. solo piena di emozioni che mi attanagliano lo sterno… e vogliono precipitare fuori come onde che tutto immergono…. la vita è così bella e preziosa….. lo è ciò che si accumula…… ciò che si diventa…deve scattare qualcosa di particolare per riuscire a vedere…. la voglia di vedere davvero… di anteporre l’altro a se stesso….. cerco di proiettarmi più fuori di me più che posso…fa male ma è straordinario che qualcuno passi nella nostra vita…. l’attraversi e trasformi la tua essenza ….credo che un senso tutto questo l’abbia….. non può essere un caso…… non può essere che cambi il tuo percorso e non ci sia niente all’interno di così eccezionale…. da vederci la mano del destino che ti segna…mi accorgo che a noi tutti sono mancate parole che imprimessero una lei o un lui nella pagina della vita…. a lettere colorate…… restano tante volte sbiadite e lontane…. inafferrabili…. altre ti hanno sommerso fino a diventare un lago scuro…e potresti solo affogarci tanto sono tumultuose quelle acque….. ci sono quelle che restano silenziosamente….. delicatamente scolpite nel cuore… aspettano solo il tempo giusto in cui guardandole in una giornata chiara e limpida di sole….oppure un acquazzone improvviso affinché tu possa scorgere il loro completo splendore…e.. sono quelle forse che restano per sempre….ma dipende da noi come li abbiamo vissute come viviamo chi diciamo di amare….dipende sempre da noi tutto …perchè esistono tramonti e albe che passano inosservati…occupati come siamo…. a guardare verso altre direzioni…… Poi accade che un vuoto improvviso si stanzi nel tuo cuore e ti rendi conto che quel che pensavi dovesse essere niente diventi predominante nella mente e nel cuore ……ci sono tempi giusti per ogni cosa….. momenti appropriati per tutto …. in cui gli occhi si aprono improvvisamente e ci si chiede perchè non si era visto quel paesaggio che stava davanti agli occhi…. tanto bello….che abbiamo lasciato fuori dalla nostra mente…La manifestazione della reale forza….. sta nel fare le cose in cui si crede davvero…… e farlo pagandone l’intero prezzo……Quando si ama con cuore e anima….si fa fatica a restare fermi…..indifferenti…..lontani…… Ci si deve imporre la non azione perchè la spinta verso l’altro è forte…. piena….. passionale……Ti accorgi di amare qualcuno quando desideri farlo felice… qando non quantifichi il dare…nel raccogliere le sfumature del proprio mondo così intenso……..così profondamente al limite dell’irreale…

Cat…©blurredlines2016